X
Menu
X
Krzysztof Skorczewski: Silenzi Sovrani

dal 19 ottobre al 17 novembre,
30 incisioni e 15 pastelli dell’artista/bulinista polacco Krzysztof Skorczewski.
Presso la Galleria della Fondazione Il Bisonte, via San Niccolò 24/rosso, Firenze.
orario: 9,00 – 13,00 e 15,00 – 19,00.
Sabato e domenica aperto su appuntamento.
per informazioni
telefono: 055 2342585
email: gallery@ilbisonte.it

estratto dal catalogo presente in galeria:
“…Paesaggi avvolti da un mistero arcaico, nello stesso tempo futuribile, congelati nella loro surreale distruzione, quasi presaghi di un mondo che affascina ma che non vorremo mai vedere. Testimoni immutabili il cielo e le nuvole che sovrastano le architetture, il cataclisma è già passato, le rovine immobili sono in bell’ordine, le grandi pietre, in bilico su travi lignee, hanno trovato il loro equilibrio..”.

Visioni Oniriche – 6 artisti incisori da Oaxaca

Giovedì 28 settembre alle ore 18,30 presso la galleria Il Bisonte, via San Niccolò 24/rosso inauguriamo la mostra

Oniriche visioni – 6 artisti incisori da Oaxaca
Ixrrael Montes.
Didier Mayes.
Tomás Pineda.
Rolando Rojas.
Saúl Castro.
Alejandro Martínez.

Si tratta di 6 artisti incisori provenienti dal Messico e più precisamente dalla città di Oaxaca, già patria di Rufino Tamayo, che al Bisonte produsse due memorabili tirature. Maestri nell’uso del colore e dei toni forti. Raffinati nelle tecniche dell’incisione e con un forte e leggibile legame con la loro cultura.
I sei artisti sono ospiti per una breve residenza nei laboratori della fondazione al termine della quale viene inaugurata la mostra. Sarà possibile incontrare gli artisti durante l’inaugurazione e visitarli in laboratorio i giorni precedenti.

Organizzazione a cura di alexpintart.com

Catalogo in galleria.
Sarà offerto un buffet con degustazione di Mezcal artigianale.

Carte Segrete dalla collezione di Maria Luigia Guaita

Carte Segrete dalla collezione di Maria Luigia Guaita
19 settembre – 6 ottobre 2017
presso:
Archivio Storico del Comune di Firenze
Palazzo Bastogi – Via dell’Oriuolo, 35 – Firenze
telefono: 055 2616527 – email: archstor@comune.fi.it

Orario mostra:
lunedì e venerdì 11.00/16.00
martedì, mercoledì e giovedì 11.00/18.00 sabato e domenica chiuso

AFRO – BARTOLINI Luigi – BELLMER Hans – BOSCHI Dino – BRAUNER Victor – BUSSOTTI Renzo – CACCIARINI Gianni – CALANDRI Mario – CALDER Alexander – CAMPAGNOLI Romano – CAMPIGLI Massimo – CAPOCCHINI Ugo – CAPOGROSSI Giuseppe – CARRÀ Carlo – CASTELLANI Leonardo – CECCOTTI Rodolfo – CLERICI Fabrizio – CONTI primo – CREMONINI Leonardo – DE CHIRICO Giorgio – DE DENARO Furio – DEVITA Luciano – DELAUNAY Sonia – DONNA Armando – ERNST Max –
FALLANI Mario – FATTORI Giovanni – FERRONI Gianfranco – FRABBONI Giordano – FRANCO Francesco – FUCHS – GRECO Emilio – GUCCIONE Piero – GUTTUSO Renato – HARASHINA Narumi – KRACZYNA Swietlan – LEVI Carlo – LEVY Moses – LOFFREDO Silvio – MACCARI Mino –
MANZÙ Giacomo – MARGHERI Rodolfo – MATTA Roberto Sebastian – MIRÒ Joan – MOORE Henry -MORANDI Giorgio – MUŠIČ Zoran – ORTEGA Manull – PICASSO Pablo – POMODORO Arnaldo – ROSAI Ottone – SCHAD Christian – SCHIALVINO Gianfranco – SEVERINI Gino – SIRONI Mario – SOFFICI Ardengo – STELLUTI Roberto – SUTHERLAND Graham – TAVERNARI Vittorio – TIRINNANZI Nino – TOMMASI FERRONI Riccardo – VAGNETTI Gianni – VENTURI Venturino – VESPIGNANI Renzo – VERNA Gianni – VIANI Lorenzo – VIGNOZZI Piero – VIVIANI Giuseppe – WILLBURGER Peter – WUNDERLICH Paul – ZANCANARO Tono – ZIGAINA Giuseppe.

Maria Luigia Guaita… “nel suo privato fu avida collezionista guidata da un intuito magnetico. Le sue scelte raccontano del suo sguardo anticonformista ma anche dell’affetto personale nei confronti di alcuni artisti che per tutta la vita le sono stati cari. Questa mostra racconta questa passione, narra il percorso di Maria Luigia Guaita nell’arte del ‘900 a partire dalle sue scelte private, dall’arte di cui aveva scelto di circondarsi nella sua vita quotidiana, nello svolgersi di una vita a tinte vivide e coraggiosa.
Vengono qui esposte un numero significativo di pezzi della sua collezione; alcune opere mai mostrate al pubblico prima, disegni che le sono stati regalati in momenti privati da persone care o da artisti grati, alcuni fogli presi dalle edizioni del Bisonte – scelti tra i più significativi – e stampe che lei stessa aveva acquistato da amici o colleghi. Una mostra che racconta una vita.”

Mostra a cura di Rodolfo Ceccotti
Organizzazione: Fondazione Il Bisonte
www.ilbisonte.it
tel. 055 2342585
gallery@ilbisonte.it

Si ringrazia inoltre l’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze per la gentile concessione degli spazi espositivi dell’Archivio Storico.

Delicious – The Show

Mercoledì 17 maggio presso la scuola della Fondazione Il Bisonte, Via del Giardino Serristori 13/r (a pochi metri dalla galleria)
Ore 18

Viene presentato il nuovo laboratorio di serigrafia della Fondazione Il Bisonte, attrezzato per ospitare corsi aperti al pubblico, ma anche artisti indipendenti interessati a lavorare con la serigrafia.

Per l’occasione gli spazi del laboratorio ospiteranno la mostra DELICIOUS, show collettivo curato da Francesca Riccioni Holsenn, che raccoglie le opere di 10 artisti: Anna Deflorian, Davide Toffolo, Elisa Muliere, Fabio Tonetto, Francesca Protopapa (alias Pistrice), Laura Anastasio, Matteo Berton, Richard McGuire, Silvia Rocchi, Tuono Pettinato.

Gli artisti selezionati sono tutti accomunati da uno stile sintetico, asciutto, elegante. Hanno carriere multiformi, molti di loro sono attivi in ambito editoriale, ma DELICIOUS vuole porre l’attenzione sul loro lato più tradizionalmente artistico. Sono autori il cui lavoro nasce sulla e per la carta, supporto prediletto e mai lasciato, se non per essere affiancato dalla sperimentazione su altri supporti e con tecniche alternative.

DELICIOUS intende infatti valorizzare e creare nuova attenzione intorno alla “carta” portandola in contesti espositivi diversi rispetto ai consueti canali di fruizione e vendita italiani a cui l’illustrazione è stata per troppo tempo (re)legata.

DELICIOUS porta quindi in mostra dieci “delizie” dell’illustrazione italiana e straniera, chiamate a elaborare “prelibatezze” grafiche inedite.

Il progetto sceglie, come punto di partenza, una tecnica di riproduzione a stampa in serie relativamente recente e fresca come la serigrafia, per unirla all’irripetibilità del gesto creativo con il risultato di dieci opere uniche nelle quali la serigrafia sarà impreziosita dall’intervento di ciascun autore: dieci monotipi d’artista da collezione.

La curatrice, forte di un’esperienza di ricerca in campo espositivo in città come New York e Parigi, ha scelto di avvalersi della preziosa collaborazione del laboratorio serigrafico della storica scuola di grafica Il Bisonte di Firenze, distintasi da sempre nella produzione e nella divulgazione della grafica d’arte e facente parte del patrimonio e della tradizione d’eccellenza editoriale italiane e internazionali.