X
Menu
X
… a due passi da Atlantide – La contemporaneità nell’incisione sarda

… a due passi da Atlantide

La contemporaneità nell’incisione sarda

Inaugurazione sabato 7 aprile – ore 11:30

Fondazione Il Bisonte – via San Niccolò, 24r – 50125 Firenze

Il 7 aprile si inaugura al Bisonte la mostra A due passi da Atlantide una rassegna sulla contemporaneità di artisti sardi curata da Beatrice Dotzo che rientra in una collaborazione con il Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi di Pisa, dove prossimamente avrà luogo un’antologica imperniata sul dialogo fra il paesaggio sardo e toscano.
Il progetto al Bisonte nasce con il proponimento di rivalutare la grafica d’arte e l’incisione sarda, con tutte le sue possibilità di contaminazione. Dentro questo fare sperimentale convivono pittura, scultura, tecniche fotografiche e digitali. L’attività, stutturata prima all’interno dell’Istituto d’Arte di Sassari, diventa poi esperienza esterna alla scuola con le creazioni di ARTHA, uno spazio che ha sede nel centro storico della città. Questo spazio ha consentito l’aggregazione di numerosi artisti che lì si ritrovano per sperimentare, discutere e mostrare, negli spazi a disposizione, le loro opere.
Nell’occasione sono stati selezionati dieci artisti che a accumunano il gusto della scoperta che oltrepassa i confini della Sardegna. È una storia che dalla tradizione si rinnova come crescita continua di esperienze e cambiamenti. Questa mostra vuole quindi ridefinire i messaggi estetici attraverso il confronto, la lettura di modi e temi in un discorso dialettico a più voci, sempre sul fronte della ricerca e verso l’innovazione.

in catalogo anche:

La grafica d’arte sarda arriva in Toscana. Grazie ad una triangolazione con l’instancabile Beatrice Dotzo, l’illustre Museo della Grafica di Pisa ed Il Bisonte, saranno organizzate due mostre: una estesa ed antologica a Palazzo Lanfranchi – imperniata sul dialogo circa il  paesaggio, quello Sardo e quello Toscano – che vedrà affiancati artisti sardi e toscani ed un’altra, più contenuta nei numeri ma non nello spirito, al Bisonte,
Qui da noi vedremo i lavori di 10 artisti sardi – o che hanno intessuto con la Sardegna un esperienza di vissuto significativa per la loro biografia – contemporanei e il loro cimentarsi con le tecniche della grafica, a loro storicamente congeniali, in dieci percorsi diversi ma con solide radici in comune.
È dal 1959, dalla prima pietra litografica, dai primi artisti ospitati in stamperia, che Il Bisonte si è distinto per l’apertura verso linguaggi nuovi e sperimentali, affiancando a queste scelte anche percorsi più tradizionali, legati ad una storia e ad un territorio con cui si riconosceva e con cui vitale era il dialogo. È quindi naturale per noi accogliere questi artisti che ci raccontano di una Sardegna che nel mondo della grafica d’arte non ha esaurito il suo ruolo, con il chiudersi del secolo scorso, ma che ancora offre dimora ad esperienze, personali e di gruppo, vive ed elettriche, che forma e prepara artisti che poi dall’isola prendono altre direzioni. Difficile trovare in questa mostra una linea estetica che racchiuda i lavori di questi dieci artisti, ma portando il livello di lettura più a fondo ci accorgiamo di trovarci davanti ad una narrazione raffinata ma vibrante, vitale nella sua ricerca. Una mostra che riunisce dieci esperienze diverse sotto l’egida di un luogo, di un idea di cultura, dieci piante diverse ma dello stesso giardino.

 
Galleria della Fondazione Il Bisonte, via San Niccolò 24/rosso, Firenze.
orario: 9,00 – 13,00 e 15,00 – 19,00.
Sabato e domenica chiuso.
La mostra rimarrà aperta fino al 11 maggio 2018.
per informazioni
telefono: 055 2342585
email: gallery@ilbisonte.it

 

Con il patrocinio di ACSIT Firenze

Mostra per i Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte, 5ˆ ed.

Torna la Mostra per i Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte, 5ˆ ed.
una straordinaria occasione per avvicinare i più giovani all’arte – senza spendere nulla – vi aspettiamo con i vostri figli per l’apertura straordinaria sabato 24 marzo dalle 10 alle 13.

GIOVANI COLLEZIONISTI DI STAMPE D’ARTE
Presso la Galleria della Fondazione Il Bisonte, via San Niccolò 24/rosso, Firenze.
Dal 21 al 29 marzo, orario: 9,00 – 13,00 e 15,00 – 19,00.
Sabato, orario: 10,00 – 13,00
Domenica chiuso.

per informazioni
telefono: 055 2342585
email: gallery@ilbisonte.it
Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte

La mostra dei Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte arriva alla sua 5ˆ edizione, durante le scorse mostre alcune tirature sono state quasi del tutto esaurite, ma ne sono arrivate altre, alcune stampe hanno fatto appena in tempo ad asciugare per essere incorniciate per questa mostra.
Per i Giovani Collezionisti già iscritti al programma questa è l’occasione per spendere i punti accumulati durante i mesi appena trascorsi, per chi invece non conoscesse questo nostro progetto potete dare qui un occhiata al regolamento, per chi volesse iscriversi, sottolineiamo che per i futuri collezionisti tra i 6 e i 14 anni è tutto gratuito, ricordiamo che al momento dell’iscrizione viene dato il primo punto da spendere per potere avere fin da subito la prima stampa della collezione.

Masterclass di Edo Janich – 21 e 22 aprile

 

MASTERCLASS CON L’ARTISTA EDO JANICH
Edo Janich, è un vecchio amico del Bisonte, quando ancora eravamo editori d’arte pubblicò con noi alcune eccellenti edizioni, i suoi lavori sono sempre stati apprezzati, sia da noi che dal pubblico; la critica e i colleghi ne hanno sempre colto la qualità artistica, noi, oggi, possiamo anche raccontarvi della qualità umana: travolgente e energetico, entusiasmante e dal pensiero mai scontato. Avere organizzato questa Masterclass è già una grande soddisfazione.

21 aprile, dalle 10 alle 18, e 22 aprile, dalle 9 alle 17.
Costo 150€
Prezzo “early bird” per iscrizioni effettuate entro il 30 marzo, 120€.
Gli strumenti e una parte del materiale di consumo è inclusa nel prezzo.

 

Edo Janich

Friulano di origine ma cresciuto e vissuto per lo più a Roma, Palermo, Venezia, è un artista totale: scultore, pittore e soprattutto incisore: attento e sottile nel cogliere con acutezza forme e nessi e ancora di più a fissare, su un sicuro registro tonale, luci ed atmosfere proprie delle città che gli sono care.
Janich è personaggio di difficile definizione, tanto è ricca e varia la sua produzione sviluppata nell’arco di oltre 50 anni di viaggi e spostamenti continui.
Non ha mai fatto parte di correnti, gruppi, mode, tendenze. Tutt’altro, forse è lui in grado proprio di fare tendenza. Se da una parte si riconoscono in lui solidi e ben metabolizzati riferimenti ai grandi artisti del passato, dall’altra le sue opere non sono moderne né contemporanee, ma presidiano un nitido orizzonte di futuro e si stagliano superbe ben sopra il panorama dei manieristi d’oggi soggiogati dalle trasgressioni e che nulla aggiungono di nuovo alla storia dell’arte. Produce immagini capaci di mostrare una realtà nuova delle cose, partecipe meravigliosamente dell’universo tramite lo splendore della luce. La sua feroce passione creativa che quotidianamente lo sorregge, si nutre contemporaneamente di una quasi infantile limpida libertà d’inseguire colta poesia e di una ostinata energia febbrile, che dominando abilmente mezzi manuali e tecnica, asseconda invenzioni di scena efficaci e raffinate. Così i riferimenti a codici architettonici, pittorici e letterari si fondono e danno vita a sorprendenti e nuovi spaccati culturali. Gesti, anime, spazio, trovano una particolare finezza. Le sue forme cave e sinuose giocano con la luce fino a proporre scorci di dialogo con suggestive interiorità, mentre un’infinità di segni quasi puntiformi fanno della luce il modo di rincorrere lo spazio, l’anima e la poesia.

Dal 1969 ad oggi, ha inciso circa 450 lastre all’acquaforte raccolte per lo più in cartelle realizzate per i più noti editori d’arte italiani. Agli anni Settanta risale l’incontro con Leonardo Sciascia, Enzo ed Elvira Sellerio con i quali nasce una forte amicizia. Dal 1972 collabora con l’editore Sellerio di Palermo e dal 1972 al 1987, per la collana “La civiltà perfezionata”, incide numerose lastre riprodotte sulle copertine dei libri in uscita. Al 1974 risale la cartella “Les Automates”, 4 incisioni con testo introduttivo di Leonardo Sciascia.

Edo Janich – un video sulla sua attività.

 

PROGRAMMA
Nei due giorni di lavoro Janich condurrà i partecipanti alla masterclass ad una esplorazione della Firenze d’Oltrarno, riscoprendo dettagli e scorci, da rielaborare  e far propri con le tecniche dell’incisione, dall’acquaforte alla puntasecca, seguendo l’artista nelle sue visioni elucubranti.
::
MASTERCLASS WITH THE ARTIST EDO JANICH
Edo Janich, is an old friend of Il Bisonte, when we were still art editors we published some excellent editions with him, his works have always been appreciated, both by us and by the public; the critics and colleagues have always grasped the artistic quality, today we can also tell you about his human qualities: he is overwhelming and energetic, exciting and has an always surprising thinking grid. Having organized this Masterclass is already a great satisfaction for us.
April 21st, from 10am to 6pm, and April 22nd, from 9am to 5pm.
Cost € 150
“Early bird” price for registrations made before March 30th, € 120.
The tools and a part of the consumables are included in the price