X
Menu
X
Gabriel Kantor – Incisioni e disegni

Galleria Il Bisonte, Via San Niccolò 24/rosso.
La mostra rimarrà aperta dal 3 marzo al 1 aprile 2016,
con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 9 – 13 e 15 – 19
sabato su appuntamento, domenica chiuso

…È appunto quanto insegnano le incisione di Kantor, dove le tecniche – acquaforte, punta secca, mezzatinta e quant’altro – si mescolano come per incanto, ossia senza sforzo palese, con assoluta naturalezza. Il richiamo alla natura delle incisioni acquista così un valore più profondo, poiché l’aspirazione è che le immagini presentino la stessa inevitabilità organica che hanno le formazioni naturali. Mi viene in mente un mosaico pavimentale di una località del mar Nero, dove alle personificazioni dei venti è apposto questo esergo: lavoriamo senza domandare nulla. Appunto le composizioni di Kantor sembrano nascere senza alcuno sforzo. Se le guardate con una lente, vi scoprite invece mondi nascosti; come, per esempio, i mille occhi all’interno di un cardo. La stessa organicità si riscontra in composizioni deliberatamente non figurative, dove i toni e i segni s’inseguono in successioni musicalmente necessitate. Qui nulla è casuale, così come non può essere casuale il colpo che cade su di una batteria durante l’esecuzione d’un concerto.
Nell’opera di Gabriel Kantor il disegno non è soltanto preparazione all’evento costruito che è l’incisione. È sicuramente studio e preparazione, ma ha anche un valore autonomo. La grafite della matita è usata da lui con lo stesso spirito di ricerca con cui sperimenta gli acidi che intaccano la lastra, il bulino che la incide, gli inchiostri e la carta della stampa. Se si potesse guardare uno dei suoi disegni di volumi ricorrendo a un contafili si troverebbero su pochi millimetri quadrati segni finissimi e distinti, come se la punta della matita andasse a cercare i minutissimi grani della carta. All’estremo opposto, disegni che all’apparenza potrebbero essere malamente intesi come rapidi appunti, rivelano una sapienza profonda. Sono ritorni su di un unico motivo: il lago di Como dalla penisola di Bellagio. Si comprende subito che quell’angolo di paesaggio è stato osservato infinite volte e che un numero ugualmente interminabile di volte la mano dell’artista si è esercitata su quel tema fino a giungere al carattere d’improvvisazione dei disegni definitivi. Alla sicurezza del segno e alla sua eleganza si aggiunge qui un’ambiguità ricca di interrogativi fra il rabesco in superficie e un’indicazione di profondità ineludibile. L’occhio passa incessantemente da un’ipotesi all’altra; ora godendo dell’altalena dei segni, ora spingendo lo sguardo lontano fino a quasi ricordare i nomi dei luoghi: Punta di Balbianello, Sasso Gordona… Nulla è qui immotivato…

Carlo Bertelli

Bonizza Modolo – Ritmi e trasparenze

galleria Il Bisonte, via San Niccolò, 24r – Firenze
La mostra resterà aperta fino al 19 febbraio 2016
con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 9 – 13 e 15 – 19
sabato e domenica chiuso

La Fondazione Il Bisonte inaugura il 2016 con una mostra di incisioni dell’artista vicentina Bonizza Modolo. Saranno ospitate negli spazi della galleria oltre 30 grafiche, molte delle quali realizzate nei laboratori della Scuola internazionale di Specializzazione per la grafica d’arte del Bisonte.
Bonizza trasmette nelle sue acqueforti la passionalità e la forza; un ripensamento costante alla ricerca di un linguaggio grafico quasi ortodosso tendente ad un equilibrio fra forme a volte decisamente espresse, altre volte emergenti da un infinito intreccio di segni. Bonizza è annoverata tra i più significativi ed originali interpreti dell’astrazione nel panorama dell’incisione contemporanea in Italia.
Il catalogo della mostra, edito dalla Fondazione Il Bisonte, sarà accompagnato da un testo critico di Nicola Micieli.

Pittrice e incisore, Bonizza Modolo è figlia del pittore Bepi Modolo. Bonizza ha iniziato la professione artistica frequentando la Scuola d’Arte e Mestieri di Vicenza diretta da Otello De Maria ed ha partecipando a numerosi concorsi e ottenuto significativi riconoscimenti. Parallelamente coltiva la sua formazione pittorica nello studio del padre con il quale svilupperà in seguito un importante rapporto di collaborazione nel settore della vetrata istoriata, unitamente ai fratelli Michela e Piero, che la porterà ad essere presente con proprie opere in varie chiese del territorio nazionale. È molto attiva nell’ambito dell’incisione, in cui si è formata presso la Scuola Libera del Nudo dell’Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida di Quaresimin, Dugo, Fantinato, Ferrara. Segue alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia i corsi di tecniche tradizionali e sperimentali con Riccardo Licata, del libro d’artista con Andreas Kramer, e di tecnica Hayter con Hector Saunier, con il quale avrà modo di continuare l’esperienza presso il Centro della Grafica di Via 7 Dolori di Matera.
Approfondisce la tecnica dell’acquaforte presso la Scuola Internazionale il Bisonte di Firenze. Per un decennio frequenta i corsi di pittura dell’Internationale Sommerakademie di Salisburgo. È stata membro dell’Associazione Incisori Veneti ed è inserita nel Repertorio degli incisori italiani di Bagnacavallo. Ha tenuto mostre personali e numerose sono le sue partecipazioni ad esposizioni internazionali. Nel 2010 riceve il 1° premio per la Grafica alla Biennale Internazionale d’Arte di Asolo.

Borsa di Studio Fond . Chianti Banca – nuovo bando 2016!

È on line il nuovo bando per 2 borse di studio per il modulo primaverile di 300 ore (4 aprile-23 giugno).

Lo trovate qui.

Durante le feste natalizie Il Bisonte sarà chiuso i seguenti giorni:
dal 24 dicembre al 27 dicembre
dal 31 dicembre al 6 gennaio

Salvator Rosa e la tradizione incisoria contemporanea

SALVATOR ROSA E LA TRADIZIONE INCISORIA CONTEMPORANEA
a cura di Alessandra Frosini e Rodolfo Ceccotti
dal 17 dicembre 2015 al 15 gennaio 2016
Galleria Il Bisonte, Firenze

Salvator Rosa (Napoli, 1615 – Roma, 1673), uno dei massimi esponenti del Barocco partenopeo, fu pittore, incisore e poeta. “Genio stravagante”, personaggio polemico, scomodo e controcorrente, fu apprezzato come pittore di paesaggi dalla selvaggia bellezza e di battaglie e grazie alla circolazione delle sue stampe e delle sue celebri “Satire”in terzine, ebbe una notevole fortuna anche in Germania e in Inghilterra. Artista eclettico e maestro precursore di quella dimensione che caratterizzò la temperie culturale preromantica, trascorse la sua vita fra la natia Napoli, Roma e Firenze e molti artisti si ispirarono alla sua pittura. Il suo forte spirito critico, la sua libertà di pensiero e la sua arte, in contrasto con il conformismo del suo tempo, alimentò il mito di Salvator Rosa, artista ancor oggi modernissimo.
A 400 anni dalla nascita, viene celebrato con questa mostra che vede affiancate ad undici sue incisioni di grande formato i lavori di alcuni dei più importanti incisori contemporanei: Rodolfo Ceccotti, Jakob Demus, Paolo Ciampini, Roberto Stelluti, Èrik Desmaziéres, Livio Ceschin, Claudio Olivotto, Toni Pecoraro, Mario Scarpati, Patrizio Di Sciullo, Franco Anichini, Lanfranco Quadrio, Agostino Arrivabene, Safet Zec, Giorgio Roggino, Andreina Bertelli e Vincenzo Gatti. Molte delle incisioni contemporanee fanno parte della collezione della fondazione Il Bisonte, mentre altre sono state gentilmente date in prestito dagli autori stessi.

GALLERIA IL BISONTE
Via San Niccolò 24/r, Firenze
INFORMAZIONI
055 2342585
gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it

ORARIO
Dal Lunedì al Sabato ore 9 – 13 e 15 – 19
Sabato, Domenica e festività chiuso
INGRESSO LIBERO

UFFICIO STAMPA
Duccio Mannucci – duccio.mannucci@gmail.com
Cell. 333 2226171

La Mostra dei Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte

L’occasione ideale per ottenere gratuitamente la prima opera d’arte di una futura collezione! (sempre che abbiate tra i 6 e i 14 anni)

Sabato 5 Dicembre alle ore 10.00 (fino alle 13), alla Galleria Il Bisonte, s’inaugura Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte, prima mostra dell’omonimo progetto promosso realizzato dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con la Regione Toscana e con il contributo di Portale Ragazzi – Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In esposizione 15 opere realizzate da docenti-artisti ed ex-studenti del Bisonte, affiancate a 10 opere realizzate dai bambini che hanno partecipato ad alcuni corsi durante il 2015.

Giovani Collezionisti Stampe d’Arte ha lo scopo di avvicinare il pubblico dei più giovani, e le loro famiglie, all’opera d’arte in modo più consapevole: coltivandone la curiosità e spingendoli ad una conoscenza dell’opera e delle tecniche che ne stanno dietro la realizzazione. Il progetto vede, da una parte, il coinvolgimento dei docenti, degli studenti e degli ex-studenti del Bisonte che mettono a disposizione piccole tirature di loro opere, e dall’altra, dei bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado di Firenze e della Toscana, a cui viene data l’opportunità di “acquistare” vere e proprie opere d’arte partecipando alle mostre e alle iniziative formative per loro realizzate. Da sottolineare che l’acquisto non avviene attraverso lo scambio di denaro, bensì spendendo “punti” che il Giovane Collezionista si guadagneraà partecipando ai singoli eventi.

ORARIO:
Dal 5 al 12 dicembre
Sabato 5 e sabato 12, dalle 10 alle 13
Mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19
Lunedi 7 e martedì 8, chiuso
Domenica, chiuso

GALLERIA IL BISONTE
Via San Niccolò 24/r, Firenze

Informazioni
055 2342585
gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it

Regolamento completo qui: http://www.ilbisonte.it/bambini/young-collectors/

Mostra Annuale 2015

Printed Matter
Un Anno alla Scuola Internazionale di Grafica Il Bisonte

23 Novembre 2015 – 6 Gennaio 2016
Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Sala delle Colonne, Via Bufalini 6.

la mostra posta sotto il patrocinio del comune di Firenze è organizzata dalla fondazione Il Bisonte per lo Studio dell’Arte Grafica in collaborazione con l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Dal 23 Novembre 2015 al 6 Gennaio 2016, la Sala delle Colonne dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, ospiterà la 32° edizione della Mostra Annuale della Scuola “Il Bisonte”. In esposizione quaranta opere realizzate da 21 giovani artisti-incisori italiani e stranieri, di cui quattro in residenza: l’egiziano Moataz Nasr, gli statunitensi Alain Reid e Lola Montes Schnabel (in collaborazione con Villa Lena Palaia), il turco Erman Özbaşaran (in collaborazione con Robert F. Kennedy Foundation Firenze). Partecipando a seminari e workshop di litografia, xilografia, serigrafia e confrontandosi con gli artisti già affermati, gli stampatori-artigiani, gli studiosi e gli esperti in grafica, sia italiani che stranieri, che ogni giorno gravitano intorno al Bisonte, queste nuove promesse della grafica d’arte hanno potuto approfondire la loro conoscenza delle tecniche calcografiche e soprattutto sperimentarle. In esposizione anche una selezione di litografie di alcuni Maestri del Novecento: Ardengo Soffici, Pietro Annigoni, Henry Moore, Lynn Chadwick, Renato Guttuso, Carlo Carrà, che hanno lavorato alla stamperia del Bisonte, e le opere degli artisti Rodolfo Ceccotti, Manuel Ortega e Vincenzo Burlizzi, attuali docenti della Scuola.
La mostra sarà inoltre l’occasione per vedere le stampe “Processione fatta in Firenze nella venuta della miracolosa immagine di Maria Vergine dell’Impruneta il dì 21 Maggio 1711”  e la “Veduta della Piazza del Real Palazzo dei Pitti, nel tempo che vi fu posata la Miracolosa immagine della Maria Vergine dell’Impruneta il dì 21 Maggio 1711”, realizzate dal Bisonte, delle lastre di Cosimo Mogalli (Firenze 1667 – 1730) di proprietà dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e attualmente in deposito al Museo di Arte Sacra dell’Impruneta, ed il torchio, oggi di proprietà dell’Ente, appartenuto a Luciano Guarnieri (Firenze 1930 – 2009), l’allievo prediletto di Pietro Annigoni.

Corso per Bambini per 4 sabati mattina

I Laboratori si terranno per 4 sabati mattina nelle Ex-Scuderie di Palazzo Serristori, nel Quartiere di San Niccolò, sede della Scuola Internazionale per lo Studio dell’Arte Grafica della Fondazione Il Bisonte.

ETÀ: 8 -12 anni.
CALENDARIO: 21, 28 novembre e 5, 12 dicembre.
ORARIO: 9,45 – 10 accoglienza; 10 – 13 laboratorio; 13,15 chiusura porte.

È prevista una pausa “merenda” di 30 minuti, i partecipanti dovranno portarsi la propria merenda.
COSTO: 85,00 Euro (60,00 Euro per ogni iscrizione successiva alla prima proveniente dallo stesso nucleo familiare, i genitori potrebbero frequentare il corso di incisione del TEMPO LIBERO, che ha lo stesso orario e costo e si svolge nel laboratorio adiacente)
MATERIALE DIDATTICO: incluso nel prezzo.
Le matrici e le stampe realizzate rimarranno di proprietà dei partecipanti al corso.

PROGRAMMA:
SABATO 21: monotipo, figure liberamente dipinte su una lastra di plexiglass, poi stampate ai nostri torchi a stella per un effetto unico ed etereo.
SABATO 28: puntasecca, la più semplice da realizzare ma difficile da controllare, segni potenti o fragili che si inseguono su una lastra di plexiglass.
“Può essere piuma può esser ferro”.
SABATO 5: ceramolle, la delicatezza del disegno a lapis ma su una lastra di zinco, corredato di qualche bel collage di foglie autunnali e trine.
SABATO 12: acquaforte, la regine delle tecniche dell’incisione, raffinata e preziosa.

Fondazione Il Bisonte
Via San Niccolò 24/R, 50125, Firenze
Tel. 055 2342585
Email info@ilbisonte.it,
www.ilbisonte.it

Corso valido per
giovani collezionisti di stampe d’arte

Read More

Hayk Grigoryan – Opera Grafica

 

Giovedì 8 ottobre, alle ore 18, inaugurazione della mostra dell’incisore armeno Hayk Grigoryan
http://www.haykgrigoryan.com/

Galleria Il Bisonte, Via San Niccolò, 24rosso, Firenze

Sarà presente l’artista
La mostra rimarrà aperta fino al 6 novembre 2015
con il seguente orario: lunedì-venerdì 9/13 e 15/19
sabato e domenica chiuso
Tel. 055 2342585 – email: gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it
… “The development of figurative topic in my works is extremely important, in fact, the genuine essence of the engravings is opened via them. My signs and symbols are born and ripen during the work on compositions, and frequently, they visit in dreams”.
Hayk Grigoryan

…Certainly, as a representative of a new and young generation of artists, Hayk Grigoryan contemplates about the destiny of art and understands the globalization as a great synthesis of various national and cultural traditions. On the other hand, however, he understands and carefully explores the tradition of the world art, particularly the world of graphics as an important search of the human nature in the course of his life. Consider the depth of his understanding and expression of human character. Here are some of them: “Noah”, “Trdat”, “Don Quixote”, and “Esse Homo”…
dal testo “Art as a Skill and Experience of the Skill as a Search for Inspiration”, di Ruben Angaladian, Art critic, philosopher

…From the earliest works of the artist elements of paradoxal connection of rationalism and freak of imagination, of strict scrupulous compositions and its free incompleteness, fragmentation and mysteriously made-up images are observed.

Hayk’s original engravings, their complicated metaphoric and symbolic nature, are similar to “non-decodable” alchemical figures which, basically, possessed independent character and did not act as direct illustrations to the text and were made only for ‘activation of imagination”. On the reference to alchemical “lexicon” unambiguously hint the wizard – old man, salamander-fire, the name of some graphic sheets – “Earth”, “Air”, “The Fifth Element” and so on…
dal testo: “Beyond the Dream”, di Arthur Hakobyan, Artist, Doctor of Arts

…Grigoryan’s ex-libris deserve a high respect because beyond their precise graphic expression, they espress contents which are far away from the symbolism and the allegories of the bookplates we are used to. Grigoryan’s library marks emit wholly visual poetry. The artist conceives the creation of his bookplates in short series which complement each other and he enjoys giving them a title although they are meant for different possessors…
dal testo: “Poet of the Sign”, del Prof. Francesc Orenes Navarro, Barcelona, Spain

Abbiamo aggiornato la sezione Borse di Studio con tutti i nuovi bandi per l’anno 2016.