X
Menu
X

Il 1 settembre Il Bisonte ri-aprirà dopo la chiusura estiva. Occhi aperti su tutti i bandi di concorso per le borse di studio e sulla mostra “Paesaggi Ideali fra Italia e Cina” e ovviamente per il progetto “Giovani collezionisti di stampe d’arte”. Sarà un autunno indaffarato.

Valo – Luce Finnica

Galleria Il Bisonte
Via San Niccolò  24r – Firenze
Mostra
Valo –Luce Finnica

4 – 12 giugno 2015

La mostra, realizzata dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con l’Atelier finlandese Tjuda Pedagogi e il Museo Ferragamo, rientra nell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, varato nel 2012 dal Bisonte, in collaborazione e con il supporto della Robert F. Kennedy Foundation for Europe e Art Foundation Villa Lena, ed è patrocinata dall’Ambasciata di Finlandia in Italia, dal Consolato Onorario di Finlandia a Firenze e dal Comune di Firenze.
Questa mostra, inedita in Italia, presenta una selezione di incisioni realizzate dalle artiste finlandesi Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi nei laboratori d’arte dell’Atelier Tjuda Pedagogi di Kimito, isola situata nella parte sud-occidentale della Finlandia, e nei laboratori d’incisione del Bisonte, nel corso della loro Residenza d’Artista a Firenze.
Il progetto espositivo “Valo – Luce Finnica” nasce dall’impegno del Bisonte nel promuovere e diffondere il gusto per la grafica d’arte e dalla volontà dell’Atelier Tjuda Pedagogi di interagire con laboratori d’incisione presenti in altri paesi europei, al fine di poter far lavorare i propri artisti assieme ad artisti che abbiano una diversa cultura rispetto a quella finlandese. Per questo motivo, “Valo – Luce Finnica” è entrato a far parte dell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, il progetto internazionale di Residenze d’Artista che la Fondazione Il Bisonte ha varato nel 2012 al quale già collaborano la Robert F. Kennedy Foundation for Europe e l’Art Foundation Villa Lena.
“Valo – Luce Finnica” vede fin da subito come alleati l’Ambasciata di Finlandia in Italia, il Consolato Onorario della Finlandia a Firenze e il Comune di Firenze che vedono in questo progetto la possibilità di favorire la nascita e lo sviluppo di iniziative e programmi di interscambio culturale tra la Finlandia e i principali città d’arte italiane, in primis Firenze,

Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi sono venute a Firenze per conoscere dal vivo l’arte della nostra città, studiare e lavorare gomito a gomito con gli artisti e i maestri incisori che operano al Bisonte, e a Firenze hanno avuto l’opportunità di studiare la potenza della luce nell’arte, di comprendere come la luce mediterranea possa esaltare i colori del paesaggio, illuminare i volti, e tutto questo, per delle artiste provenienti dal crepuscolo nordico, è risultata essere un’esperienza unica, che ha permesso loro di cogliere nuovi e stimolanti spunti creativi. Attraverso il quotidiano lavoro nei laboratori d’arte del Bisonte, Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina hanno avuto modo di affinare le tecniche dell’incisione, della litografia come anche della tipografia, e al contempo ampliato lo spazio della loro ricerca artistica, potendo sempre contare sull’esempio e i consigli dei maestri d’arte incisoria del Bisonte – che appartengono alla ristretta schiera dei migliori artisti-insegnanti oggi operanti tra l’Europa e gli Stati Uniti – come anche sul continuo confronto con gli artisti-incisori e gli studenti-incisori, di ogni nazionalità, che ogni giorno frequentano Il Bisonte. La realizzazione delle opere di Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina durante la loro Residenza d’Artista nei laboratori del Bisonte sarà documentata anche da un reportage fotografico d’artista e costituiranno il principale nucleo di alcune mostre collettive che saranno allestite tra il 2015 e il 2016 in Finlandia, tra cui una nella città di Turku con cui Firenze è gemellata.

Si avvicina la stagione della dichiarazione dei redditi: raccogliamo scontrini, telefoniamo ai commercialisti, andiamo al caf con buste piene di carta. Cerchiamo di far filare tutto liscio e di risparmiare qualcosa, tra tutte le cose che potete fare c’è anche quella di aiutare Il Bisonte, lo potete fare destinandoci il vostro 5/1000, ci sosterrete nella nostra attività per la grafica d’arte, per le borse di studio, per le presentazioni, per le mostre e per le residenze d’artista. Infatti molte di queste attività vengono svolte a carico della Fondazione.

Vi ringraziamo per il vostro aiuto, già anche solo per essere arrivati fino a qua, e a ringraziarvi con noi ci sono giovani artisti, studenti e appassionati della grafica!

Ecco come fare
A pagina 3 del modello Unico 2015 c’è lo spazio per la destinazione del 5 x 1000 con tre possibilità di scelta.
Se scegli di devolverlo a favore della Fondazione Il Bisonte – per lo studio dell’arte grafica devi firmare lo spazio nel primo riquadro (quello delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10 DLGS. n. 460/97)  e inserire il nostro codice fiscale: 94121180486

Abbiamo messo on line una pagina permanente per poterci sostenere, eccola qui: sostieni Il Bisonte

Il sito sta lentamente riempiendosi di contenuti, spero lo abbiate notato. Di recente abbiamo messo on line la descrizione del Corso Estivo per Bambini, sarà dal 29 giugno al 3 luglio, subito dopo ci sarà il Corso estivo d’incisione per adulti. Sempre nella sezione Bambini è stata pubblicata una descrizione sommaria del programma Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte. Per ora è tutto solo in italiano, in seguito aggiorneremo anche la versione inglese. A presto.

Premio Leonardo Sciascia, Amateur d’estampes – VIII Edizione

Inaugurazione giovedì 9 aprile – ore 18
Fondazione Il Bisonte, via S. Niccolò, 24r – Firenze

Sono ventinove le incisioni che partecipano all’ottava edizione (2015-2016) del Premio Leonardo Sciascia amateur d’estampes. Dopo la mostra di Palermo (Fondazione Whitaker) il Premio raggiunge Firenze dove alla Fondazione Il Bisonte, partner storico della manifestazione incisoria sciasciana sarà possibile ammirare fino al 22 maggio le 29 opere in concorso. Saranno altresì esposte quattordici opere tra le più rappresentative di uno degli esponenti più originali della grafica d’arte del Novecento al quale è dedicata l’edizione del Premio di quest’anno: Luigi Bartolini, artista marchigiano scomparso nel 1963, uno tra i più amati e collezionati da Leonardo Sciascia. Del Premio Sciascia e della passione nutrita dallo scrittore per le arti figurative se ne parlerà nel corso della vernice al Bisonte. Oltre a Rodolfo Ceccotti e Simone Guaita che faranno gli onori di casa assieme a Francesco Izzo degli Amici di Sciascia, interverranno Alessandro Tosi, direttore del Museo della Grafica di Pisa, Giorgio Marini del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e Luciana Bartolini.

Nato nel 1998 per iniziativa dell’associazione non-profit Amici di Leonardo Sciascia (www.amicisciascia.it) il Premio Sciascia si è andato affermando tra i maggiori appuntamenti della grafica d’arte contemporanea, con una enfasi particolare sullo stretto rapporto tra incisione e letteratura. Al Premio si accede solo per invito degli Amici di Leonardo Sciascia mentre il giudizio finale sulle opere è affidato ad una giuria di sei artisti particolarmente apprezzati da Leonardo Sciascia: Piero Guccione, Carla Horat, Edo Janich, Giuseppe Modica, Roberto Stelluti, Gaetano Tranchino. In precedenza Luisa Adorno, Eduardo Arroyo, Bruno Caruso, Rodolfo Ceccotti, Domenico Faro, Federica Galli, Gian Franco Grechi e Nunzio Gulino, si sono avvicendati in giuria. La pausa seguita all’edizione straordinaria svoltasi in occasione del ventennale della scomparsa di Sciascia (1989-2009) ha portato ad alcune significative innovazioni: la valorizzazione complessiva dei riconoscimenti offerti agli artisti (dal primo premio di 2500 € alle esposizioni itineranti offerte ai primi tre artisti classificati), l’allargamento alla xilografia delle tecniche ammesse al concorso, l’ingresso di nuovi partners espositivi nel comitato promotore della manifestazione. Al termine di un ciclo di cinque esposizioni (Palermo, Firenze, Fabriano, Venezia e Milano) tutte le incisioni in concorso entrano, come per le edizioni precedenti, a far parte del patrimonio della Civica Raccolta di Stampe «Achille Bertarelli», nel Castello Sforzesco della città di Milano da cui a dicembre 2010 l’Associazione Amici di Sciascia è stata premiata alla Giornata del Benefattore “per aver contribuito, con il suo dono ai musei civici, ad arricchire il prestigio internazionale della città”.

Anche per questa edizione del Premio Sciascia il catalogo, in tiratura limitata, è stato curato da Francesco Izzo ed edito da Angelo Scandurra per i tipi de Il Girasole di Valverde (Catania) e contiene la riproduzione di tutte le opere in concorso e fuori concorso, accompagnate da un’introduzione di Lorenza Salamon e un saggio di Lavinia Spalanca oltre che da un breve profilo di ogni artista.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 maggio 2015 con il seguente orario: lunedì – venerdì 9-13/15-19,

Per ulteriori informazioni: premio@amicisciascia.it; www.amicisciascia.it

mostra Lipchitz

Martedì 3 marzo siamo stati invitati all’inaugurazione della mostra di Lipchitz in occasione di un’importante donazione della famiglia verso il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.

La sostituzione del plugin per l’opzione multingue del nuovo sito è stata abbastanza traumatica. Stiamo cercando di rimettere tutto in sesto prima di aggiungere nuovi contenuti.

Ok, oggi facciamo un salto nel vuoto: cambiamo il plugin per la doppia lingua sul sito e le cose potrebbero diventare un po’ arruffate per qualche ora (spero solo qualche ora).

|||

Ok, today we jump into emptiness as we are going to change the multi language plugin, we are going to stay for some hours with a rough situation all over the web site.