X
Menu
X
Bonizza Modolo – Ritmi e trasparenze

galleria Il Bisonte, via San Niccolò, 24r – Firenze
La mostra resterà aperta fino al 19 febbraio 2016
con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 9 – 13 e 15 – 19
sabato e domenica chiuso

La Fondazione Il Bisonte inaugura il 2016 con una mostra di incisioni dell’artista vicentina Bonizza Modolo. Saranno ospitate negli spazi della galleria oltre 30 grafiche, molte delle quali realizzate nei laboratori della Scuola internazionale di Specializzazione per la grafica d’arte del Bisonte.
Bonizza trasmette nelle sue acqueforti la passionalità e la forza; un ripensamento costante alla ricerca di un linguaggio grafico quasi ortodosso tendente ad un equilibrio fra forme a volte decisamente espresse, altre volte emergenti da un infinito intreccio di segni. Bonizza è annoverata tra i più significativi ed originali interpreti dell’astrazione nel panorama dell’incisione contemporanea in Italia.
Il catalogo della mostra, edito dalla Fondazione Il Bisonte, sarà accompagnato da un testo critico di Nicola Micieli.

Pittrice e incisore, Bonizza Modolo è figlia del pittore Bepi Modolo. Bonizza ha iniziato la professione artistica frequentando la Scuola d’Arte e Mestieri di Vicenza diretta da Otello De Maria ed ha partecipando a numerosi concorsi e ottenuto significativi riconoscimenti. Parallelamente coltiva la sua formazione pittorica nello studio del padre con il quale svilupperà in seguito un importante rapporto di collaborazione nel settore della vetrata istoriata, unitamente ai fratelli Michela e Piero, che la porterà ad essere presente con proprie opere in varie chiese del territorio nazionale. È molto attiva nell’ambito dell’incisione, in cui si è formata presso la Scuola Libera del Nudo dell’Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida di Quaresimin, Dugo, Fantinato, Ferrara. Segue alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia i corsi di tecniche tradizionali e sperimentali con Riccardo Licata, del libro d’artista con Andreas Kramer, e di tecnica Hayter con Hector Saunier, con il quale avrà modo di continuare l’esperienza presso il Centro della Grafica di Via 7 Dolori di Matera.
Approfondisce la tecnica dell’acquaforte presso la Scuola Internazionale il Bisonte di Firenze. Per un decennio frequenta i corsi di pittura dell’Internationale Sommerakademie di Salisburgo. È stata membro dell’Associazione Incisori Veneti ed è inserita nel Repertorio degli incisori italiani di Bagnacavallo. Ha tenuto mostre personali e numerose sono le sue partecipazioni ad esposizioni internazionali. Nel 2010 riceve il 1° premio per la Grafica alla Biennale Internazionale d’Arte di Asolo.

Borsa di Studio Fond . Chianti Banca – nuovo bando 2016!

È on line il nuovo bando per 2 borse di studio per il modulo primaverile di 300 ore (4 aprile-23 giugno).

Lo trovate qui.

La Mostra dei Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte

L’occasione ideale per ottenere gratuitamente la prima opera d’arte di una futura collezione! (sempre che abbiate tra i 6 e i 14 anni)

Sabato 5 Dicembre alle ore 10.00 (fino alle 13), alla Galleria Il Bisonte, s’inaugura Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte, prima mostra dell’omonimo progetto promosso realizzato dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con la Regione Toscana e con il contributo di Portale Ragazzi – Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In esposizione 15 opere realizzate da docenti-artisti ed ex-studenti del Bisonte, affiancate a 10 opere realizzate dai bambini che hanno partecipato ad alcuni corsi durante il 2015.

Giovani Collezionisti Stampe d’Arte ha lo scopo di avvicinare il pubblico dei più giovani, e le loro famiglie, all’opera d’arte in modo più consapevole: coltivandone la curiosità e spingendoli ad una conoscenza dell’opera e delle tecniche che ne stanno dietro la realizzazione. Il progetto vede, da una parte, il coinvolgimento dei docenti, degli studenti e degli ex-studenti del Bisonte che mettono a disposizione piccole tirature di loro opere, e dall’altra, dei bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado di Firenze e della Toscana, a cui viene data l’opportunità di “acquistare” vere e proprie opere d’arte partecipando alle mostre e alle iniziative formative per loro realizzate. Da sottolineare che l’acquisto non avviene attraverso lo scambio di denaro, bensì spendendo “punti” che il Giovane Collezionista si guadagneraà partecipando ai singoli eventi.

ORARIO:
Dal 5 al 12 dicembre
Sabato 5 e sabato 12, dalle 10 alle 13
Mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19
Lunedi 7 e martedì 8, chiuso
Domenica, chiuso

GALLERIA IL BISONTE
Via San Niccolò 24/r, Firenze

Informazioni
055 2342585
gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it

Regolamento completo qui: http://www.ilbisonte.it/bambini/young-collectors/

Mostra Annuale 2015

Printed Matter
Un Anno alla Scuola Internazionale di Grafica Il Bisonte

23 Novembre 2015 – 6 Gennaio 2016
Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Sala delle Colonne, Via Bufalini 6.

la mostra posta sotto il patrocinio del comune di Firenze è organizzata dalla fondazione Il Bisonte per lo Studio dell’Arte Grafica in collaborazione con l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Dal 23 Novembre 2015 al 6 Gennaio 2016, la Sala delle Colonne dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, ospiterà la 32° edizione della Mostra Annuale della Scuola “Il Bisonte”. In esposizione quaranta opere realizzate da 21 giovani artisti-incisori italiani e stranieri, di cui quattro in residenza: l’egiziano Moataz Nasr, gli statunitensi Alain Reid e Lola Montes Schnabel (in collaborazione con Villa Lena Palaia), il turco Erman Özbaşaran (in collaborazione con Robert F. Kennedy Foundation Firenze). Partecipando a seminari e workshop di litografia, xilografia, serigrafia e confrontandosi con gli artisti già affermati, gli stampatori-artigiani, gli studiosi e gli esperti in grafica, sia italiani che stranieri, che ogni giorno gravitano intorno al Bisonte, queste nuove promesse della grafica d’arte hanno potuto approfondire la loro conoscenza delle tecniche calcografiche e soprattutto sperimentarle. In esposizione anche una selezione di litografie di alcuni Maestri del Novecento: Ardengo Soffici, Pietro Annigoni, Henry Moore, Lynn Chadwick, Renato Guttuso, Carlo Carrà, che hanno lavorato alla stamperia del Bisonte, e le opere degli artisti Rodolfo Ceccotti, Manuel Ortega e Vincenzo Burlizzi, attuali docenti della Scuola.
La mostra sarà inoltre l’occasione per vedere le stampe “Processione fatta in Firenze nella venuta della miracolosa immagine di Maria Vergine dell’Impruneta il dì 21 Maggio 1711”  e la “Veduta della Piazza del Real Palazzo dei Pitti, nel tempo che vi fu posata la Miracolosa immagine della Maria Vergine dell’Impruneta il dì 21 Maggio 1711”, realizzate dal Bisonte, delle lastre di Cosimo Mogalli (Firenze 1667 – 1730) di proprietà dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e attualmente in deposito al Museo di Arte Sacra dell’Impruneta, ed il torchio, oggi di proprietà dell’Ente, appartenuto a Luciano Guarnieri (Firenze 1930 – 2009), l’allievo prediletto di Pietro Annigoni.

Valo – Luce Finnica

Galleria Il Bisonte
Via San Niccolò  24r – Firenze
Mostra
Valo –Luce Finnica

4 – 12 giugno 2015

La mostra, realizzata dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con l’Atelier finlandese Tjuda Pedagogi e il Museo Ferragamo, rientra nell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, varato nel 2012 dal Bisonte, in collaborazione e con il supporto della Robert F. Kennedy Foundation for Europe e Art Foundation Villa Lena, ed è patrocinata dall’Ambasciata di Finlandia in Italia, dal Consolato Onorario di Finlandia a Firenze e dal Comune di Firenze.
Questa mostra, inedita in Italia, presenta una selezione di incisioni realizzate dalle artiste finlandesi Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi nei laboratori d’arte dell’Atelier Tjuda Pedagogi di Kimito, isola situata nella parte sud-occidentale della Finlandia, e nei laboratori d’incisione del Bisonte, nel corso della loro Residenza d’Artista a Firenze.
Il progetto espositivo “Valo – Luce Finnica” nasce dall’impegno del Bisonte nel promuovere e diffondere il gusto per la grafica d’arte e dalla volontà dell’Atelier Tjuda Pedagogi di interagire con laboratori d’incisione presenti in altri paesi europei, al fine di poter far lavorare i propri artisti assieme ad artisti che abbiano una diversa cultura rispetto a quella finlandese. Per questo motivo, “Valo – Luce Finnica” è entrato a far parte dell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, il progetto internazionale di Residenze d’Artista che la Fondazione Il Bisonte ha varato nel 2012 al quale già collaborano la Robert F. Kennedy Foundation for Europe e l’Art Foundation Villa Lena.
“Valo – Luce Finnica” vede fin da subito come alleati l’Ambasciata di Finlandia in Italia, il Consolato Onorario della Finlandia a Firenze e il Comune di Firenze che vedono in questo progetto la possibilità di favorire la nascita e lo sviluppo di iniziative e programmi di interscambio culturale tra la Finlandia e i principali città d’arte italiane, in primis Firenze,

Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi sono venute a Firenze per conoscere dal vivo l’arte della nostra città, studiare e lavorare gomito a gomito con gli artisti e i maestri incisori che operano al Bisonte, e a Firenze hanno avuto l’opportunità di studiare la potenza della luce nell’arte, di comprendere come la luce mediterranea possa esaltare i colori del paesaggio, illuminare i volti, e tutto questo, per delle artiste provenienti dal crepuscolo nordico, è risultata essere un’esperienza unica, che ha permesso loro di cogliere nuovi e stimolanti spunti creativi. Attraverso il quotidiano lavoro nei laboratori d’arte del Bisonte, Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina hanno avuto modo di affinare le tecniche dell’incisione, della litografia come anche della tipografia, e al contempo ampliato lo spazio della loro ricerca artistica, potendo sempre contare sull’esempio e i consigli dei maestri d’arte incisoria del Bisonte – che appartengono alla ristretta schiera dei migliori artisti-insegnanti oggi operanti tra l’Europa e gli Stati Uniti – come anche sul continuo confronto con gli artisti-incisori e gli studenti-incisori, di ogni nazionalità, che ogni giorno frequentano Il Bisonte. La realizzazione delle opere di Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina durante la loro Residenza d’Artista nei laboratori del Bisonte sarà documentata anche da un reportage fotografico d’artista e costituiranno il principale nucleo di alcune mostre collettive che saranno allestite tra il 2015 e il 2016 in Finlandia, tra cui una nella città di Turku con cui Firenze è gemellata.

Premio Leonardo Sciascia, Amateur d’estampes – VIII Edizione

Inaugurazione giovedì 9 aprile – ore 18
Fondazione Il Bisonte, via S. Niccolò, 24r – Firenze

Sono ventinove le incisioni che partecipano all’ottava edizione (2015-2016) del Premio Leonardo Sciascia amateur d’estampes. Dopo la mostra di Palermo (Fondazione Whitaker) il Premio raggiunge Firenze dove alla Fondazione Il Bisonte, partner storico della manifestazione incisoria sciasciana sarà possibile ammirare fino al 22 maggio le 29 opere in concorso. Saranno altresì esposte quattordici opere tra le più rappresentative di uno degli esponenti più originali della grafica d’arte del Novecento al quale è dedicata l’edizione del Premio di quest’anno: Luigi Bartolini, artista marchigiano scomparso nel 1963, uno tra i più amati e collezionati da Leonardo Sciascia. Del Premio Sciascia e della passione nutrita dallo scrittore per le arti figurative se ne parlerà nel corso della vernice al Bisonte. Oltre a Rodolfo Ceccotti e Simone Guaita che faranno gli onori di casa assieme a Francesco Izzo degli Amici di Sciascia, interverranno Alessandro Tosi, direttore del Museo della Grafica di Pisa, Giorgio Marini del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e Luciana Bartolini.

Nato nel 1998 per iniziativa dell’associazione non-profit Amici di Leonardo Sciascia (www.amicisciascia.it) il Premio Sciascia si è andato affermando tra i maggiori appuntamenti della grafica d’arte contemporanea, con una enfasi particolare sullo stretto rapporto tra incisione e letteratura. Al Premio si accede solo per invito degli Amici di Leonardo Sciascia mentre il giudizio finale sulle opere è affidato ad una giuria di sei artisti particolarmente apprezzati da Leonardo Sciascia: Piero Guccione, Carla Horat, Edo Janich, Giuseppe Modica, Roberto Stelluti, Gaetano Tranchino. In precedenza Luisa Adorno, Eduardo Arroyo, Bruno Caruso, Rodolfo Ceccotti, Domenico Faro, Federica Galli, Gian Franco Grechi e Nunzio Gulino, si sono avvicendati in giuria. La pausa seguita all’edizione straordinaria svoltasi in occasione del ventennale della scomparsa di Sciascia (1989-2009) ha portato ad alcune significative innovazioni: la valorizzazione complessiva dei riconoscimenti offerti agli artisti (dal primo premio di 2500 € alle esposizioni itineranti offerte ai primi tre artisti classificati), l’allargamento alla xilografia delle tecniche ammesse al concorso, l’ingresso di nuovi partners espositivi nel comitato promotore della manifestazione. Al termine di un ciclo di cinque esposizioni (Palermo, Firenze, Fabriano, Venezia e Milano) tutte le incisioni in concorso entrano, come per le edizioni precedenti, a far parte del patrimonio della Civica Raccolta di Stampe «Achille Bertarelli», nel Castello Sforzesco della città di Milano da cui a dicembre 2010 l’Associazione Amici di Sciascia è stata premiata alla Giornata del Benefattore “per aver contribuito, con il suo dono ai musei civici, ad arricchire il prestigio internazionale della città”.

Anche per questa edizione del Premio Sciascia il catalogo, in tiratura limitata, è stato curato da Francesco Izzo ed edito da Angelo Scandurra per i tipi de Il Girasole di Valverde (Catania) e contiene la riproduzione di tutte le opere in concorso e fuori concorso, accompagnate da un’introduzione di Lorenza Salamon e un saggio di Lavinia Spalanca oltre che da un breve profilo di ogni artista.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 maggio 2015 con il seguente orario: lunedì – venerdì 9-13/15-19,

Per ulteriori informazioni: premio@amicisciascia.it; www.amicisciascia.it