X
Menu
X
Grafica d’Arte Americana Contemporanea

Grafica d’Arte Americana Contemporanea
Galleria Il Bisonte
San Niccolò 24/rosso
Firenze, Italia

Mostra aperta al pubblico e gratuita: dal 9 al 23 Settembre, 2016
Inaugurazione: 9 Settembre dalle 18 alle 20
Introduzione con il curatore la sera dell’inaugurazione.
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, sabato su appuntamento, domenica chiuso.
Email:  gallery@ilbisonte.it
Tel. 055 2342585

Artisti in mostra:
Miguel Aragon, Staten Island, New York
Emily Arthur, Madison, Wisconsin
Janet Ballweg, Bowling Green, Ohio
Michael Barnes, Saint Charles, Illinois
Josh Dannin, Manchester, New Hampshire
Andrew DeCaen, Denton, Texas
Jeffrey Dell, San Marcos, Texas,
Amze Emmons, Philadelphia, Pennsylvania
Lari Gibbons, Denton, TX
Karla Hackenmiller, Athens, Ohio
Nicole Hand, Murray, Kentucky
Melissa Harshman, Athens, Georgia
John Hitchcock, Madison, Wisconsin
Michael Krueger, Lawrence, Kansas
Carrie Lingscheit, Chicago, Illinois
Beauvais Lyons, Knoxville, Tennessee
Kathryn Maxwell, Tempe, Arizona
Phyllis McGibbon, Wellesley, Massachusetts
Yoonmi Nam, Lawrence, Kansas
Ashley Nason, Eaton, Colorado
Kathryn Polk, Tucson, Arizona,
Andrew Raftery, Providence, Rhode Island
Jason Scuilla, Manhattan, Kansas
Hyeyoung Shin, Kansas City, Missouri
Tanja Softic, Richmond, Virginia
Jon Swindler, Athens, Georgia
Erik Waterkotte, Charlotte, North Carolina
Art Werger, Athens, Ohio
Koichi Yamamoto, Knoxville, Tennessee
Rina Yoon, Milwaukee, Wisconsin

Andrew DeCaen:  www.andrewdecaen.com

In mostra i lavori di artisti incisori (ma più propriamente artisti che utilizzano le più variegate tecniche della grafica d’arte) contemporanei dagli Stati Uniti d’America.
L’artista staunitense Andrew DeCaen ha curato questa mostra in preparazione del suo soggiorno come artista in residenza presso La Fondazione Il Bisonte.
Gli artisti, provenienti da molte e diverse regioni e stati degli USA, rappresentano lo stato della ricerca contemporanea, estetica e tecnica, nell’ambito della grafica d’arte. Si esprimono tramite un ampio ventaglio di linguaggi: figurazione, traiettorie surrealiste, image sampling, documentazione naturalistica, astrazione lirica; esplorando temi di cocente contemporaneità come la preoccupazione sull’ambiente, l’urbanizzazione selvaggia, il femminismo, la desensibilizzazione alla violenza e l’interruzione delle convenzioni fino ad oggi ritenute valide.
Questa mostra tenta di scandagliare la vitalità e la diversità della grafica d’arte contemporanea attraverso una varietà di processi e tecniche, incluse: stampa a rilievo xilografica, stampa a caratteri mobili, embossing, incisione con acido, incisione elettrolitica, acquatinta, bulino su metallo, foto incisione, litografia su pietra e su lastra, serigrafia, stampa digitale , ed altre complesse e raffinate tecniche.

Ex Fabrica – Gianni Cacciarini, Emiliano Baldi

Giovedì 5 maggio, presso la galleria della Fondazione Il Bisonte si inaugura la mostra delle opere, di Gianni Cacciarini ed Emiliano Baldi.
20 incisioni e 5 grandi pitture. La mostra rimarrà aperta fino al 1 giugno 2016.

Galleria Il Bisonte, Via san Niccolò 24rosso,
www.ilbisonte.it
gallery@ilbisonte.it
0552342585

::

Due artisti (due generazioni) a confronto sul tema della fabbrica

Fu nel febbraio del 1978 e cioè quasi quarant’anni or sono che Gianni Cacciarini decise di mostrare (mi par di ricordare nella storica Galleria della libreria Gonnelli) una parte del suo lavoro di incisore, lavoro già a quel tempo piuttosto cospicuo e assai articolato, anche in ragione del fatto che quasi esclusivamente all’arte incisoria egli si era dedicato fino a quel momento. Da allora, come si suol dire, molta acqua è passata sotto i ponti e quindi molta strada ha fatto la carriera di questo artista ormai affermato tra i primissimi (e non solo come incisore, e non solo in questa sua città mai ‘tradita’ e però, come è quasi d’obbligo, soprattutto per gli artisti, caparbiamente ‘odiosamata’). Tra le tavole (e le serie tematiche o cicli) di quella giovanile esposizione si potevano distinguere, per una particolare eccellenza di esecuzione e di resa espressiva, due serie in special modo, una dedicata al motivo dei tralci e dei vitigni (in terra di Toscana) e un’altra alla rappresentazione-evocazione di fabbriche dismesse e abbandonate, impianti industriali che Gianni negli anni aveva di volta in volta individuato durante alcuni suoi vagabondaggi e sopralluoghi tra Firenze e Pisa. Si trattava di immagini di grande impatto che rimandavano da un lato (e più in positivo) al concetto di archeologia industriale (poi, come si sa, mutato in topos culturale) e dall’altro (pensando invece alle sollecitazioni emotive di quei manufatti) al fascino per tutto ciò che è residuale e mero reperto di un tempo leggendario ma con ancora i segni, pur combusti, di un’antica e fervida funzionalità. In più, la mano di Cacciarini incisore conferiva ai soggetti, così acutamente trascelti fra i tanti che si potevano incontrare nel perimetro di una certa Toscana produttiva, quella dinamica contrastiva che è propria del chiaroscuro dell’acquaforte ma trattata con una tale, radicale ricerca di spunti ed effetti ‘pittorici’, da far pensare che la laboriosa e fitta ‘quadrettatura’ tipica di quella tecnica potesse avere di mira, non già una restituzione obbligatoriamente in bianco-nero del soggetto, ma quasi volesse raggiungere un certo grado di cromatismo, seppure con allusioni coloristiche fatalmente virtuali.
Ebbene, più di recente, è poi successo che un giovane artista toscano, Emiliano Baldi, naturalmente versato nell’arte dell’incisione (ma non solo), abbia preso a frequentare fin dagli anni dell’Accademia lo studio fiorentino di Gianni Cacciarini trovando non poche sintonie con il maestro. Analogie e tangenze simpatetiche non solo con la sua ricca produzione figurativa, ma poi anche dettate da un comune background di afferenze culturali che in ultimo hanno assistito la creazione, se non proprio di un ciclo vero e proprio, almeno di una serie di tavole che appunto rappresentano la ripresa del tema della fabbrica, anche se nel caso di Baldi non nella obbligata modalità del disuso e dell’abbandono. Che il più giovane artista provenga (anche per ragioni anagrafiche) da una realtà e da un ambiente fortemente industrializzato come quello piombinese non riesce difficile intuire dalle sue composizioni, e in ciò egli si distingue abbastanza di netto dal più ‘cittadino’ e agé Cacciarini per il quale quelle costruzioni ormai decrepite e aggredite da una natura vendicatrice rivivevano principalmente in forza di una loro metafisica e dunque finemente atemporale emblematicità. Diversamente perciò dalla rappresentazione delle ciminiere e del paesaggio industriale di Emiliano Baldi. Rappresentazione lontana, la sua, da ogni più lieve aura di nostalgica poeticità anche perchè non gli resta estraneo neppure il richiamo della figura, spesso integrata (e non casualmente) proprio nel contesto più emotivamente coinvolgente di una certa realtà operaia. Nelle tavole del Baldi, infatti, non è difficile percepire una urgenza e una tensione che potremmo senz’altro definire sociale, anche se ormai dimentica di quelle istanze ideologiche così marcate che avevano distinto tutto un filone della ricerca figurativa del secondo Novecento. Baldi invece, forte di una notevole dimestichezza con le tecniche dell’acquaforte, si muove con una certa disinvoltura all’interno della tavola, alternando soggetti e figure e utilizzando uno stesso spazio per scomporlo con opportuni scomparti interni in modo da offrire alla nostra attenzione una serie di variazioni del tema, piuttosto che un soggetto ad una dimensione e per di più centrato in una sua inamovibile unicità. Anche l’immagine della fabbrica allora può subire questa sorta di moltiplicazione prospettica, ovvero questa seriazione o giustapposizione di raffigurazioni sempre diverse. Il risultato ottenuto non delude affatto, anzi riesce tanto più suggestivo in quanto la stessa struttura del falansterio anziché imporsi per l’ingombro della sua massa sembra in questo modo risaltare per una sua singolare ‘leggerezza’ che gli deriva proprio dal gesto ‘modernista’ che imprime quell’originario movimento.

Giuseppe Nicoletti

Il Bisonte – stamperia d’arte, scuola di grafica

La prestigiosa stamperia d’arte e scuola di grafica in mostra a Pontassieve. Litografie e calcografie dei grandi del Novecento, da Picasso a Carrà a cura di Antonio Natali e Adriano Bimbi. Pontassieve, dal 30 aprile al 3 luglio 2016

IL BISONTE
La prestigiosa stamperia d’arte e scuola di grafica in mostra a Pontassieve.
Litografie e calcografie dei grandi del Novecento, da Picasso a Carrà a cura di Antonio Natali e Adriano Bimbi

30 aprile – 3 luglio 2016
Sala delle Colonne del Palazzo Comunale – Via Tanzini, 32 – Pontassieve
Una nuova avventura culturale che aggiunge un nuovo tassello al percorso d’arte pensato ed ideato per la Sala delle Colonne di Pontassieve.

Si inaugura sabato 30 aprile alle 17,30 nel palazzo comunale la mostra “Il Bisonte – stamperia d’arte e scuola di grafica”, un viaggio alla scoperta dell’attività di un caposaldo della tradizione artistica fiorentina e di tutto quell’universo culturale che circonda questo glorioso marchio.
Antonio Natali e Adriano Bimbi – curatori della mostra – ci guideranno tra litografie e incisioni nel racconto di come una stamperia possa diventare luogo di incontro e contaminazione culturale ed artistica. Sarà possibile ammirare i lavori (calcografie e litografie) di grandi interpreti del Novecento come Carlo Carrà, Gino Severini, Ardengo Soffici, Venturino Venturi insieme a nomi internazionali come Pablo Picasso e Henry Moore, ma anche le opere di giovani artisti del nostro tempo che nella Scuola Internazionale di Grafica del Bisonte si sono formati ed affermati. Proprio questa unione ha fatto la forza di questo marchio, la contaminazione tra conosciuto ed emergente, tra passato e propensione di valorizzazione per il futuro e che fino al 3 luglio sarà possibile conoscere a Pontassieve.
Una mostra, sostenuta dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, dove la promozione dell’arte si intreccia quindi con la valorizzazione delle tecniche, l’offerta didattica di sperimentazione rivolta ai più giovani.
Addentrarsi in questo mondo diventa quindi  un’avventura nel passato, ma anche un omaggio al presente di una Scuola che ancora oggi rappresenta un centro di produzione e fermento creativo di estrema importanza nel panorama internazionale.
L’inaugurazione è fissata per sabato 30 Aprile alle ore 17.30 e vedrà gli interventi di Monica Marini, Sindaco del Comune di Pontassieve; Carlo Boni, Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Pontassieve; Antonio Natali, storico dell’Arte; Adriano Bimbi, docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze e Rodolfo Ceccotti, direttore della Fondazione il Bisonte.

Orario Mostra – ingresso gratuito
Sala delle Colonne del Palazzo Comunale – Via Tanzini, 32 – Pontassieve
30 aprile – 3 luglio 2016
Martedì, giovedì, sabato, domenica 16.00 – 19.00
Mercoledì e venerdì 9.00 – 12.00
Lunedì chiuso

Per informazioni
Comune di Pontassieve, servizio Cultura
tel. 055/8360346 – 055/8360344
cultura@comune.pontassieve.fi.it

Livorno al Bisonte 2005-2016

Saranno presentati i lavori realizzati da ragazzi livornesi che negli anni si sono aggiudicati le borse di studio messe a disposizione da Fondazione Livorno per frequentare la scuola di grafica Il Bisonte.
Risale al 2005 il primo contributo che Fondazione Livorno ha erogato per l’assegnazione delle borse di studio e dopo 10 anni la collaborazione tra Fondazione Livorno e Fondazione Bisonte continua: ogni anno giovani che vogliono affinare la propria tecnica e ritagliarsi uno spazio nel difficile mondo della grafica riescono a frequentare la Scuola Internazionale di Grafica d’Arte, fondata nel 1983 per arricchire e dare continuità alla tradizione dell’omonima stamperia fiorentina.
La ricorrenza dei 10 anni di collaborazione ha rappresentato l’occasione per realizzare questa mostra, in cui i ragazzi potranno esporre un’opera eseguita al Bisonte durante il corso di specializzazione ed un’altra, sia questa pittorica, scultorea, incisoria, che testimoni il proseguimento del percorso artistico dei borsisti.
I livornesi che hanno frequentato i corsi del Bisonte offerti da Fondazione Livorno dal 2005 al 2015 (con un investimento complessivo di € 235.790,00) sono 36, tutti presenti con le proprie opere in mostra e nel catalogo:
2005: Fabrizio Del Moro, Ilaria Martellacci, Barbara Salani
2006: Elisa Bucciantini, Xochitl Giancaterino, Denia Petrocelli
2007: Tommaso Eppesteingher , Rebecca Filippi, Elisa Tonini
2008: Carlotta Baldetti, Enrico Fiorini, Olga Radicchi
2009: Ludovica Gambaro, Simona Perruzza, Valentina Restivo
2010: Laura Calloni, Yasmine Dainelli, Daniela Pili
2011: Enrico Bertelli, Monica Martinico, Margherita Santaniello
2012: Miguel Angel Citi, Luca Di Pietro, Martina Masotti, Veronica Prete
2013: Lorenzo Giuliani, Alessio Indraccolo, Barbara Merani, Silvia Parente
2014: Claudia Barsacchi, Pietro Desirò, Lucrezia Bufalini, Elisa Pagni Korbus
2015: Giulio Bonatti, Federico Falleni, Samantha Torri

Gabriel Kantor – Incisioni e disegni

Galleria Il Bisonte, Via San Niccolò 24/rosso.
La mostra rimarrà aperta dal 3 marzo al 1 aprile 2016,
con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 9 – 13 e 15 – 19
sabato su appuntamento, domenica chiuso

…È appunto quanto insegnano le incisione di Kantor, dove le tecniche – acquaforte, punta secca, mezzatinta e quant’altro – si mescolano come per incanto, ossia senza sforzo palese, con assoluta naturalezza. Il richiamo alla natura delle incisioni acquista così un valore più profondo, poiché l’aspirazione è che le immagini presentino la stessa inevitabilità organica che hanno le formazioni naturali. Mi viene in mente un mosaico pavimentale di una località del mar Nero, dove alle personificazioni dei venti è apposto questo esergo: lavoriamo senza domandare nulla. Appunto le composizioni di Kantor sembrano nascere senza alcuno sforzo. Se le guardate con una lente, vi scoprite invece mondi nascosti; come, per esempio, i mille occhi all’interno di un cardo. La stessa organicità si riscontra in composizioni deliberatamente non figurative, dove i toni e i segni s’inseguono in successioni musicalmente necessitate. Qui nulla è casuale, così come non può essere casuale il colpo che cade su di una batteria durante l’esecuzione d’un concerto.
Nell’opera di Gabriel Kantor il disegno non è soltanto preparazione all’evento costruito che è l’incisione. È sicuramente studio e preparazione, ma ha anche un valore autonomo. La grafite della matita è usata da lui con lo stesso spirito di ricerca con cui sperimenta gli acidi che intaccano la lastra, il bulino che la incide, gli inchiostri e la carta della stampa. Se si potesse guardare uno dei suoi disegni di volumi ricorrendo a un contafili si troverebbero su pochi millimetri quadrati segni finissimi e distinti, come se la punta della matita andasse a cercare i minutissimi grani della carta. All’estremo opposto, disegni che all’apparenza potrebbero essere malamente intesi come rapidi appunti, rivelano una sapienza profonda. Sono ritorni su di un unico motivo: il lago di Como dalla penisola di Bellagio. Si comprende subito che quell’angolo di paesaggio è stato osservato infinite volte e che un numero ugualmente interminabile di volte la mano dell’artista si è esercitata su quel tema fino a giungere al carattere d’improvvisazione dei disegni definitivi. Alla sicurezza del segno e alla sua eleganza si aggiunge qui un’ambiguità ricca di interrogativi fra il rabesco in superficie e un’indicazione di profondità ineludibile. L’occhio passa incessantemente da un’ipotesi all’altra; ora godendo dell’altalena dei segni, ora spingendo lo sguardo lontano fino a quasi ricordare i nomi dei luoghi: Punta di Balbianello, Sasso Gordona… Nulla è qui immotivato…

Carlo Bertelli

Bonizza Modolo – Ritmi e trasparenze

galleria Il Bisonte, via San Niccolò, 24r – Firenze
La mostra resterà aperta fino al 19 febbraio 2016
con il seguente orario: dal lunedì al venerdì 9 – 13 e 15 – 19
sabato e domenica chiuso

La Fondazione Il Bisonte inaugura il 2016 con una mostra di incisioni dell’artista vicentina Bonizza Modolo. Saranno ospitate negli spazi della galleria oltre 30 grafiche, molte delle quali realizzate nei laboratori della Scuola internazionale di Specializzazione per la grafica d’arte del Bisonte.
Bonizza trasmette nelle sue acqueforti la passionalità e la forza; un ripensamento costante alla ricerca di un linguaggio grafico quasi ortodosso tendente ad un equilibrio fra forme a volte decisamente espresse, altre volte emergenti da un infinito intreccio di segni. Bonizza è annoverata tra i più significativi ed originali interpreti dell’astrazione nel panorama dell’incisione contemporanea in Italia.
Il catalogo della mostra, edito dalla Fondazione Il Bisonte, sarà accompagnato da un testo critico di Nicola Micieli.

Pittrice e incisore, Bonizza Modolo è figlia del pittore Bepi Modolo. Bonizza ha iniziato la professione artistica frequentando la Scuola d’Arte e Mestieri di Vicenza diretta da Otello De Maria ed ha partecipando a numerosi concorsi e ottenuto significativi riconoscimenti. Parallelamente coltiva la sua formazione pittorica nello studio del padre con il quale svilupperà in seguito un importante rapporto di collaborazione nel settore della vetrata istoriata, unitamente ai fratelli Michela e Piero, che la porterà ad essere presente con proprie opere in varie chiese del territorio nazionale. È molto attiva nell’ambito dell’incisione, in cui si è formata presso la Scuola Libera del Nudo dell’Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida di Quaresimin, Dugo, Fantinato, Ferrara. Segue alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia i corsi di tecniche tradizionali e sperimentali con Riccardo Licata, del libro d’artista con Andreas Kramer, e di tecnica Hayter con Hector Saunier, con il quale avrà modo di continuare l’esperienza presso il Centro della Grafica di Via 7 Dolori di Matera.
Approfondisce la tecnica dell’acquaforte presso la Scuola Internazionale il Bisonte di Firenze. Per un decennio frequenta i corsi di pittura dell’Internationale Sommerakademie di Salisburgo. È stata membro dell’Associazione Incisori Veneti ed è inserita nel Repertorio degli incisori italiani di Bagnacavallo. Ha tenuto mostre personali e numerose sono le sue partecipazioni ad esposizioni internazionali. Nel 2010 riceve il 1° premio per la Grafica alla Biennale Internazionale d’Arte di Asolo.

Salvator Rosa e la tradizione incisoria contemporanea

SALVATOR ROSA E LA TRADIZIONE INCISORIA CONTEMPORANEA
a cura di Alessandra Frosini e Rodolfo Ceccotti
dal 17 dicembre 2015 al 15 gennaio 2016
Galleria Il Bisonte, Firenze

Salvator Rosa (Napoli, 1615 – Roma, 1673), uno dei massimi esponenti del Barocco partenopeo, fu pittore, incisore e poeta. “Genio stravagante”, personaggio polemico, scomodo e controcorrente, fu apprezzato come pittore di paesaggi dalla selvaggia bellezza e di battaglie e grazie alla circolazione delle sue stampe e delle sue celebri “Satire”in terzine, ebbe una notevole fortuna anche in Germania e in Inghilterra. Artista eclettico e maestro precursore di quella dimensione che caratterizzò la temperie culturale preromantica, trascorse la sua vita fra la natia Napoli, Roma e Firenze e molti artisti si ispirarono alla sua pittura. Il suo forte spirito critico, la sua libertà di pensiero e la sua arte, in contrasto con il conformismo del suo tempo, alimentò il mito di Salvator Rosa, artista ancor oggi modernissimo.
A 400 anni dalla nascita, viene celebrato con questa mostra che vede affiancate ad undici sue incisioni di grande formato i lavori di alcuni dei più importanti incisori contemporanei: Rodolfo Ceccotti, Jakob Demus, Paolo Ciampini, Roberto Stelluti, Èrik Desmaziéres, Livio Ceschin, Claudio Olivotto, Toni Pecoraro, Mario Scarpati, Patrizio Di Sciullo, Franco Anichini, Lanfranco Quadrio, Agostino Arrivabene, Safet Zec, Giorgio Roggino, Andreina Bertelli e Vincenzo Gatti. Molte delle incisioni contemporanee fanno parte della collezione della fondazione Il Bisonte, mentre altre sono state gentilmente date in prestito dagli autori stessi.

GALLERIA IL BISONTE
Via San Niccolò 24/r, Firenze
INFORMAZIONI
055 2342585
gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it

ORARIO
Dal Lunedì al Sabato ore 9 – 13 e 15 – 19
Sabato, Domenica e festività chiuso
INGRESSO LIBERO

UFFICIO STAMPA
Duccio Mannucci – duccio.mannucci@gmail.com
Cell. 333 2226171

La Mostra dei Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte

L’occasione ideale per ottenere gratuitamente la prima opera d’arte di una futura collezione! (sempre che abbiate tra i 6 e i 14 anni)

Sabato 5 Dicembre alle ore 10.00 (fino alle 13), alla Galleria Il Bisonte, s’inaugura Giovani Collezionisti di Stampe d’Arte, prima mostra dell’omonimo progetto promosso realizzato dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con la Regione Toscana e con il contributo di Portale Ragazzi – Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In esposizione 15 opere realizzate da docenti-artisti ed ex-studenti del Bisonte, affiancate a 10 opere realizzate dai bambini che hanno partecipato ad alcuni corsi durante il 2015.

Giovani Collezionisti Stampe d’Arte ha lo scopo di avvicinare il pubblico dei più giovani, e le loro famiglie, all’opera d’arte in modo più consapevole: coltivandone la curiosità e spingendoli ad una conoscenza dell’opera e delle tecniche che ne stanno dietro la realizzazione. Il progetto vede, da una parte, il coinvolgimento dei docenti, degli studenti e degli ex-studenti del Bisonte che mettono a disposizione piccole tirature di loro opere, e dall’altra, dei bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado di Firenze e della Toscana, a cui viene data l’opportunità di “acquistare” vere e proprie opere d’arte partecipando alle mostre e alle iniziative formative per loro realizzate. Da sottolineare che l’acquisto non avviene attraverso lo scambio di denaro, bensì spendendo “punti” che il Giovane Collezionista si guadagneraà partecipando ai singoli eventi.

ORARIO:
Dal 5 al 12 dicembre
Sabato 5 e sabato 12, dalle 10 alle 13
Mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19
Lunedi 7 e martedì 8, chiuso
Domenica, chiuso

GALLERIA IL BISONTE
Via San Niccolò 24/r, Firenze

Informazioni
055 2342585
gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it

Regolamento completo qui: https://www.ilbisonte.it/bambini/young-collectors/

Hayk Grigoryan – Opera Grafica

 

Giovedì 8 ottobre, alle ore 18, inaugurazione della mostra dell’incisore armeno Hayk Grigoryan
http://www.haykgrigoryan.com/

Galleria Il Bisonte, Via San Niccolò, 24rosso, Firenze

Sarà presente l’artista
La mostra rimarrà aperta fino al 6 novembre 2015
con il seguente orario: lunedì-venerdì 9/13 e 15/19
sabato e domenica chiuso
Tel. 055 2342585 – email: gallery@ilbisonte.it – www.ilbisonte.it
… “The development of figurative topic in my works is extremely important, in fact, the genuine essence of the engravings is opened via them. My signs and symbols are born and ripen during the work on compositions, and frequently, they visit in dreams”.
Hayk Grigoryan

…Certainly, as a representative of a new and young generation of artists, Hayk Grigoryan contemplates about the destiny of art and understands the globalization as a great synthesis of various national and cultural traditions. On the other hand, however, he understands and carefully explores the tradition of the world art, particularly the world of graphics as an important search of the human nature in the course of his life. Consider the depth of his understanding and expression of human character. Here are some of them: “Noah”, “Trdat”, “Don Quixote”, and “Esse Homo”…
dal testo “Art as a Skill and Experience of the Skill as a Search for Inspiration”, di Ruben Angaladian, Art critic, philosopher

…From the earliest works of the artist elements of paradoxal connection of rationalism and freak of imagination, of strict scrupulous compositions and its free incompleteness, fragmentation and mysteriously made-up images are observed.

Hayk’s original engravings, their complicated metaphoric and symbolic nature, are similar to “non-decodable” alchemical figures which, basically, possessed independent character and did not act as direct illustrations to the text and were made only for ‘activation of imagination”. On the reference to alchemical “lexicon” unambiguously hint the wizard – old man, salamander-fire, the name of some graphic sheets – “Earth”, “Air”, “The Fifth Element” and so on…
dal testo: “Beyond the Dream”, di Arthur Hakobyan, Artist, Doctor of Arts

…Grigoryan’s ex-libris deserve a high respect because beyond their precise graphic expression, they espress contents which are far away from the symbolism and the allegories of the bookplates we are used to. Grigoryan’s library marks emit wholly visual poetry. The artist conceives the creation of his bookplates in short series which complement each other and he enjoys giving them a title although they are meant for different possessors…
dal testo: “Poet of the Sign”, del Prof. Francesc Orenes Navarro, Barcelona, Spain

Valo – Luce Finnica

Galleria Il Bisonte
Via San Niccolò  24r – Firenze
Mostra
Valo –Luce Finnica

4 – 12 giugno 2015

La mostra, realizzata dalla Fondazione Il Bisonte in collaborazione con l’Atelier finlandese Tjuda Pedagogi e il Museo Ferragamo, rientra nell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, varato nel 2012 dal Bisonte, in collaborazione e con il supporto della Robert F. Kennedy Foundation for Europe e Art Foundation Villa Lena, ed è patrocinata dall’Ambasciata di Finlandia in Italia, dal Consolato Onorario di Finlandia a Firenze e dal Comune di Firenze.
Questa mostra, inedita in Italia, presenta una selezione di incisioni realizzate dalle artiste finlandesi Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi nei laboratori d’arte dell’Atelier Tjuda Pedagogi di Kimito, isola situata nella parte sud-occidentale della Finlandia, e nei laboratori d’incisione del Bisonte, nel corso della loro Residenza d’Artista a Firenze.
Il progetto espositivo “Valo – Luce Finnica” nasce dall’impegno del Bisonte nel promuovere e diffondere il gusto per la grafica d’arte e dalla volontà dell’Atelier Tjuda Pedagogi di interagire con laboratori d’incisione presenti in altri paesi europei, al fine di poter far lavorare i propri artisti assieme ad artisti che abbiano una diversa cultura rispetto a quella finlandese. Per questo motivo, “Valo – Luce Finnica” è entrato a far parte dell’ARTIST RESIDENCY PROGRAM, il progetto internazionale di Residenze d’Artista che la Fondazione Il Bisonte ha varato nel 2012 al quale già collaborano la Robert F. Kennedy Foundation for Europe e l’Art Foundation Villa Lena.
“Valo – Luce Finnica” vede fin da subito come alleati l’Ambasciata di Finlandia in Italia, il Consolato Onorario della Finlandia a Firenze e il Comune di Firenze che vedono in questo progetto la possibilità di favorire la nascita e lo sviluppo di iniziative e programmi di interscambio culturale tra la Finlandia e i principali città d’arte italiane, in primis Firenze,

Aino Toivettula, Liisa Ilveskorpi, Petra Katriina Kallio e Sara Elina Ilveskorpi sono venute a Firenze per conoscere dal vivo l’arte della nostra città, studiare e lavorare gomito a gomito con gli artisti e i maestri incisori che operano al Bisonte, e a Firenze hanno avuto l’opportunità di studiare la potenza della luce nell’arte, di comprendere come la luce mediterranea possa esaltare i colori del paesaggio, illuminare i volti, e tutto questo, per delle artiste provenienti dal crepuscolo nordico, è risultata essere un’esperienza unica, che ha permesso loro di cogliere nuovi e stimolanti spunti creativi. Attraverso il quotidiano lavoro nei laboratori d’arte del Bisonte, Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina hanno avuto modo di affinare le tecniche dell’incisione, della litografia come anche della tipografia, e al contempo ampliato lo spazio della loro ricerca artistica, potendo sempre contare sull’esempio e i consigli dei maestri d’arte incisoria del Bisonte – che appartengono alla ristretta schiera dei migliori artisti-insegnanti oggi operanti tra l’Europa e gli Stati Uniti – come anche sul continuo confronto con gli artisti-incisori e gli studenti-incisori, di ogni nazionalità, che ogni giorno frequentano Il Bisonte. La realizzazione delle opere di Aino, Liisa, Petra Katriina e Sara Elina durante la loro Residenza d’Artista nei laboratori del Bisonte sarà documentata anche da un reportage fotografico d’artista e costituiranno il principale nucleo di alcune mostre collettive che saranno allestite tra il 2015 e il 2016 in Finlandia, tra cui una nella città di Turku con cui Firenze è gemellata.